Cancro negli animali: come affrontare la malattia

Stati d’animo negli animali: ecco come riconoscerli
Gennaio 5, 2021

Cancro negli animali: come affrontare la malattia

Cancro, una parola che ferma il tempo, una malattia che affligge esseri umani ma che colpisce anche i nostri amici animali.

Secondo l’American Veterinary Medical Association (AVMA) il cancro causa il 50% delle morti negli animali con età superiore ai 10 anni, colpisce per lo più cani, gatti e cavalli.

Ci sono tumori che colpiscono determinate razze, come Emangiosarcomi, prevalentemente in Pastori Tedeschi, o Osteosarcoma quasi esclusivamente in razze grandi o giganti (San Bernardo, Alano, Irish Wolfhound).

I segni distintivi dei tumori

I tipi di tumore che più comunemente riscontriamo in animali domestici, e più facilmente individuabili, sono quelli che colpiscono la cute, spesso ce ne accorgiamo con la comparsa di un nodulo visibile ad occhio nudo o tramite palpazione; un altro tumore molto frequente è il linfoma e, nel cane, spesso si presenta con un ingrossamento dei linfonodi. Purtroppo, molti tumori possono prendere origine dagli organi interni ed è difficile accorgersi di qualcosa.

L’unico modo per aiutare i nostri animali è come sempre la prevenzione, quindi sottoporli a controlli periodici e regolari.

Questi sono alcuni dei segnali cui dovremmo prestare attenzione perchè potrebbero suggerire la presenza di anomalie:

• la comparsa di ogni nodulo, la sua crescita o il suo mutamento
• ferite o ulcere che non guariscono
• Cambi d’abitudine nella minzione o nella defecazione
• Difficoltà di minzione o defecazione
• Difficoltà di masticazione e di deglutizione
• Sanguinamenti senza causa apparente da qualsiasi parte del corpo (per esempio, dal naso)
• Perdita di appetito e perdita di peso
• Difficoltà respiratorie o tosse persistente
• Zoppia, oppure rigidità sugli arti
• Alitosi e perdita di bava o sangue dalla bocca.

Per individuare la maggior parte dei tumori, il medico veterinario effettua un esame citologico, non invasivo e indolore, mentre la biopsia permette di avere una diagnosi definitiva. Molti animali vengono sottoposti ad esame radiografico, per accertare la presenza di malattia secondaria (metastasi) polmonare o viscerale, o sottoposti a ecografia.

Cosa fare se il nostro amico è malato di cancro?
Dopo la diagnosi e aver individuato il tipo di tumore, la strategia da adottare prende in considerazioni una serie di variabili, come lo stato di avanzamento della malattia, localizzazione, presenza di metastasi, età dell’animale e così via. La priorità ovviamente è sempre  il benessere del nostro amico peloso.

Purtroppo ci sono anche casi in cui è impossibile un intervento, Il cane affetto da emangiosarcoma splenico ad esempio può non presentare alcun segno clinico evidente sino a quando il tumore alla milza si rompe e crea uno scompenso cardiocircolatorio che può portare al collasso o in casi estremi alla morte improvvisa.

In ogni caso è bene tener a mente che il cancro è ormai una malattia cronica con la quale si può convivere, così come in ambito umano, anche in campo veterinario le strategie da attuare sono molteplici, da quella farmacologica attraverso somministrazione di chemioterapici, radioterapica, chirurgica, spesso da usare in combinazione.

Per un tumore benigno, la terapia più efficace spesso è la chirurgia, che permette di asportare la totalità delle cellule tumorali.

Per un tumore maligno invece può essere necessaria l’asportazione di molto tessuto intorno alla massa, per garantire un intervento che rimuova tutte le cellule maligne. In questa fase potrebbe insorgere la problematica della mancanza di sufficiente tessuto per poter richiudere la ferita, e quindi una convalescenza prolungata con la possibilità di successive operazioni nel caso ci siano complicanze  nel processo di rimarginazione.
Da questo punto in avanti, la prassi per una pronta guarigione della ferita prevede:
  • attività fisica mititata per i primi 7 10 giorni,
  • non cambiare la dieta dell’animale
  • uso del collare Elisabettiano per evitare che l’animale lecchi la ferita infettandola o che possa staccare i punti,
  • somministrazione dei farmaci .

Anche se le parole cancro e tumore, fanno  molta paura, ormai ci sono numerosi strumenti per affrontarli, non permettiamo loro di prendere il sopravvento, restiamo lucidi per il nostro amico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *