La pododermatite del coniglio: vi spieghiamo cos’è

Pet Translator: la parola agli animali
agosto 10, 2018
I nostri amici animali alleati della salute
settembre 14, 2018

La pododermatite del coniglio: vi spieghiamo cos’è

Per il benessere dei nostri amici a quattro zampe, è  importante conoscere a pieno le problematiche alle quali vanno incontro.

In questo articolo,  parliamo della pododermatite, un’infezione che colpisce la superficie inferiore degli arti dei conigli.

I primi sintomi dell’infezione sono un arrossamento alla base della zampa e la constante perdita di pelo, se  non viene curata in tempo potranno formarsi delle croste e degli ascessi cutanei, fino a perdere totalmente la possibilità di muovere l’arto infetto.

Tale malattia è generalmente causata da una compressione della circolazione sanguigna che nel tempo porta alla lesione dei tessuti fino alla formazione di ulcere, questo perchè a differenza dei cani e gatti, i conigli non hanno alcun cuscinetto carnoso che li protegga da urti o dall’attrito con superfici rigide e i loro arti sono ricoperti soltanto da un sottile strato di pelo. Essi conigli che vivono in gabbia o che tendono a correre in casa e non sulle superfici morbide, quali il terreno, tendono a sollecitare troppo le zampe.

La compressione degli arti, col tempo porta ad un graduale schiacciamento dei vasi sanguigni, causando gravi ischemie ossia una scorretta irrorazione del sangue nei tessuti.

Le cause più comuni della pododermatite possono essere: l’obesità, la sedentarietà del coniglio e il fondo della gabbia inadatto.

È importante quindi che la base delle gabbie sia molto morbida e coprirla con  con fogli di giornale, segatura, asciugamani o paglia.

Se il vostro coniglio ha contratto tale malattia, contattare il veterinario, il quale in base allo stato dell’infezione, il veterinario potrà poi prescrivere degli antibiotici e dei farmaci analgesici. fondamentale per la sua cura.  Egli istituirà una terapia adeguata prima che le lesioni diventino irreversibili o difficili da guarire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *