Pet Translator: la parola agli animali

Vai al mare? Porta con te il tuo amico!
luglio 30, 2018
La pododermatite del coniglio: vi spieghiamo cos’è
agosto 27, 2018

Pet Translator: la parola agli animali

Un ricercatore sta lavorando su un dispositivo che in futuro potrebbe essere utilizzato come traduttore linguistico per gli animali domestici, un’ intelligenza artificiale che decifra la loro “lingua”, il pet translator.

Gli scienziati cercano di  tradurre le vocalizzazioni e le espressioni facciali degli animali in qualcosa che noi essere umani possiamo capire. L’esperto di comportamento animale è il Dr. Slobodchikoff, della Northern Arizona University, che ha studiato per 30 anni i comportamenti dei cani impegnati in una serie di comportamenti tra cui ringhiare, abbaiare e ululare, e con il traduttore potremmo capire realmente cosa comunica il nostro animale quando scodinzola o ringhia.

Durante la sua ricerca, il dottore ha scoperto che gli animali hanno un loro sistema linguistico che trasmette istruzioni e comandi complicati. I roditori ad esempio, emettono dei segnali che avvisa il gruppo di minacce in arrivo. È interessante notare che questi avvertimenti includono informazioni specifiche sul predatore come le sue dimensioni e il colore del mantello.

Lavorando con uno scienziato informatico, Slobodchikoff nel 2017, ha fondato la società Zoolingua per sviluppare uno strumento simile che ha usato per capire la vocalizzazione del cane della prateria per tradurre espressioni facciali, suoni e movimenti del corpo di animali domestici.  Il lavoro è ancora in  fase sperimentale, ma questo potrebbe cambiare il modo di comunicare, tra animali e esseri umani e in poco più di 10 anni.

Se la tecnologia e la ricerca arriveranno a tanto, tutti noi umani saremo in grado di conoscere esattamente cosa vogliono i nostri pets, migliorando così anche il modo in cui essi vengono trattati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *