Grooming: cos’è e perchè è importante?

Inappetenza canina: cause e rimedi per combatterla
maggio 15, 2018
Caldo forte: come proteggere i nostri animali
giugno 24, 2018

Grooming: cos’è e perchè è importante?

I gatti sono famosi per essere molto attenti alla pulizia personale, tanto da impiegare la maggior parte del loro tempo (oltre che a dormire) al grooming, ovvero la toelettatura.

La loro lingua a differenza di quella dei cani è ruvida, perchè ricoperta da piccole papille che aiuta nella pulizia, insomma una sorta di velcro che pulisce il mantello dalla sporcizia. Naturalmente lo fanno anche per dimostrare il loro affetto verso il padrone anche se può risultare un pò pungente e non proprio piacevole.

Nella pulizia si aiutano con le zampe anteriori per il muso e la testa, mentre con i denti riescono a rimuovere lo sporco nelle zone in cui si annida più sporco e nel contempo stimolano lo sviluppo di una sostanza che protegge il corpo dal caldo e dal freddo. La loro autonomia nell’igiene personale, non li fa essere molto amanti dell’acqua, infatti non hanno molta necessità di essere lavati se non in casi specifici.

Il grooming svolge un’importantissima funzione sociale nella vita dei gatti, è  anti-stress e fondamentale per il riconoscimento, la mamma fin da piccoli lecca i propri mici per tranquillizzarli e farli sentire protetti, attraverso questo gesto i piccoli imparano a riconoscere l’odore e sono sereni. Leffetto calmante si intreccia con la funzione sociale, i gatti infatti si leccano il pelo tra loro per scambiarsi gli odori e creare un legame d’amicizia, lo stesso fanno con il proprio padrone umano, anche se a volte la loro lingua risulta un pò pungente e poco piacevole.

È facilmente comprensibile se il gatto presenta dei malesseri, se dedica poco tempo all’attività di grooming o viceversa,  dal suo eccesso.

Un gesto insomma che dice tanto nel gatto, e per capire meglio il funzionamento della lingua del gatto, un team di ricercatori ha pensato bene di sporcare una coperta di gustoso cibo per gatti, per poi riprendere i movimenti dei felini per rimuovere e ripulire per bene tutta la zona attraverso speciali videocamere ad alta velocità. Successivamente, grazie a una stampante 3D, hanno riprodotto una lingua di gatto ingrandendola di quattro volte, in modo da avere la visuale di tutti i minimi dettagli. E’ così che hanno scoperto che le papille ruvide presenti sulla lingua dei mici sono delle vere e proprie curve a forma di uncino e molto taglienti, quasi simili ai loro artigli. La loro forma peculiare fa sì che quando esse urtano su qualcosa, ruotano in modo da penetrare nell’ostacolo e rimuoverlo definitivamente.

L’analisi di questa importante struttura, oltre che a comprendere maggiormente il benessere dei gatti, serve a migliorare, forse in futuro, i prodotti per l’igiene orale e per la cosmetica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *